Figli a tasso agevolato

Nel triennio 2009 -2011, le cicogne che si fermeranno sui tetti delle case italiane, porteranno nel becco, oltre al classico fagottello con il bebè, anche la possibilità di usufruire di un prestito di 5000 euro, restituibili in cinque anni ad un tasso agevolato del 4%. I 25 milioni stanziati per ciascuno degli anni del triennio , serviranno a “favorire l’accesso al credito delle famiglie con un figlio nato o adottato nell’anno di riferimento”.

 

È il superamento del bonus bebè, l’assegno una tantum riproposto ad ogni nuova Finanziaria, per aiutare le famiglie alle prese con le spese aggiuntive determinate dall’arrivo di un nuovo nascituro. Cosa cambia con la manovra anticrisi? Per ottenere il prestito le famiglie dovranno  rivolgersi direttamente alle banche, che riceveranno, dal fondo rotatorio, garanzie dirette, anche fideiussorie,. Il decreto, fissato della Presidenza del Consiglio di concerto con il ministero dell’Economia,  stabilirà le caratteristiche del prestito, il funzionamento del fondo, i criteri di accesso al prestito cicogna. Le risorse arriveranno dal Fondo per le Politiche della famiglia.

 

Nonostante l’entusiastica presentazione di Giovanardi, il provvedimento apre ad interrogativi e dubbi piuttosto consistenti. Ma come…in un momento in cui le famiglie devono fronteggiare una crisi economica che rischia di travolgerle, proprio quando il potere di acquisto dei salari e delle pensioni è in caduta libera, si suggerisce alle giovani coppie di ricorrere a quelle forme di indebitamento che hanno scatenato la crisi dei mercati finanziari ?  Certo, il tasso è agevolato, ma sempre di un prestito bancario si tratta. E, alla scadenza del beneficio, bisognerà pur restituirlo allo Stato!  

 

È la politica del “pensiamoci dopo” che dilaziona, nel tempo, i problemi senza risolverli alla radice. La politica di riduzione del welfare e la mancanza di infrastrutture sociali capaci di attutire l’impatto della crisi economica sulle fasce più deboli della popolazione sono retaggio di una politica miope che, attraverso Governi sia di destra che di sinistra, si è perpetuata  in questi ultimi anni.

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • "Il Partito dei Comunisti Italiani è un partito politico di donne e di uomini che opera per organizzare la classe operaia, le lavoratrici, i lavoratori ed i cittadini che lottano
    per attuare ed estendere i diritti e le libertà sanciti dalla Costituzione repubblicana ed antifascista.
    Esso si riconosce nei valori della Resistenza e nelle lotte del movimento operaio e si prefigge la trasformazione socialista della società.Fa riferimento al marxismo, alla storia ed all’esperienza dei comunisti italiani,persegue il superamento del capitalismo e l’affermazione degli ideali della pace e
    del socialismo in Europa e nel mondo"

    LO STATUTO DEL PdCI

  • dicembre: 2008
    L M M G V S D
    « Nov   Gen »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
  • LA VIGNETTA DELLA SETTIMANA